Workshop 2019

GEZMATAZ FESTIVAL & WORKSHOP 

Workshop moments

Ogni anno l’associazione Gezmataz organizza workshop di musica e di fotografia musicale

WORKSHOP DI MUSICA

Dal 24 al 28 luglio 2019

La XVI edizione del festival è dedicata alle percussioni. Cinque giorni di laboratori in cui i musicisti di tutte le età si confrontano con docenti di alto livello professionale e con le dinamiche dell’ensemble. Musica di insieme, improvvisazione, jam session.

SVOLGIMENTO DEI CORSI
Per il tipo di lavoro svolto durante il whorkshop possono partecipare ai corsi
tutti i musicisti interessati a prescindere dallo strumento suonato.

Mattino 10.00-12.00: lezioni di strumento e tecniche d’improvvisazione.
Pomeriggio 14.00-16.00: musica d’ insieme.

I docenti formeranno le classi di musica d’insieme: durante i corsi gli allievi,
sotto la guida dei docenti, lavoreranno ad un repertorio per l’esibizione del
concerto finale sul palco di Piazza delle Feste.

Pomeriggio 18.00-19.30: Jam session presso il Palco Millo

 

I DOCENTI DI QUEST’ANNO

 

Henry Cole – Batteria 

Furio Di Castri – Contrabbasso

Henry Cole è un batterista il cui stile versatile lo pone in prima linea nell’ondata crescente di innovazione jazz del XXI secolo.Originario di Mayaguez, Puerto Rico, Cole ha iniziato a suonare il piano all’età di quattro anni e si è innamorato della batteria all’età di nove. Inizialmente ispirato dai percussionisti latini Giovanni Hidalgo e Anthony Carrillo, Cole ha scoperto la passione per il jazz e la musica improvvisata mentre frequentava il Berklee College of Music di Boston. Nell’autunno del 2003, Cole si è trasferito a New York City per frequentare la prestigiosa Manhattan School of Music dove ha ricevuto una borsa di studio per studiare con il batterista e compositore John Riley divenendo rapidamente uno dei sidemen più richiesti. Henry è un batterista innovativo ed esplosivo che porta il jazz in una dimensione mai esplorata prima. Nel 2017, il “Tipico” di Miguel Zenon Quartet è stato nominato per il miglior album Latin Jazz. Nel 2018 pubblica il singolo “El Diablo” con il suo nuovo gruppo, Villa Locura, in cui combina un’ampia varietà di influenze musicali come il folclore portoricano, il funk, l’R & B, il jazz , l’afro, i ritmi caraibici e crea un genere unico che collega il tradizionale con il contemporaneo. Henry Cole tiene lezioni private, workshop e master classes in tutto il mondo. È professore associato presso la Manhattan School of Music, la New School, l’Accademia Nazionale del Jazz, Siena, Englesholm Jazz Camp in Danimarca.
 Furio Di Castri, negli anni ‘80 è stato partner regolare del quartetto di Enrico Rava e del trio di Michel Petrucciani e ha partecipato alle tournèe internazionali di Dino Saluzzi, Joe Henderson, Chet Baker, John Taylor, Steve Lacy, Lee Konitz, Paul Motian, Joe Lovano.Ha suonato accanto a Richard Galliano, Paul Bley, Kenny Wheeler, Michael Brecker, Dave Liebman, Joe Lovano, Paul Motian, John Scofield, Nguyen Le, Franco Ambrosetti, Antonello Salis, Stefano Bollani. Collabora in duo e trio con Paolo Fresu da più di ventanni. Dal 2000 si dedica alla composizione di musiche per laboratori orchestrali, teatro, arte contemporanea e sonorizzazioni di testi letterari (Peppe Servillo, Lella Costa, David Riondino, Piergiorgio Oddifreddi, Valter Malosti, Sosta Palmizi). Dal 2001 è docente di contrabbasso e composizione e direttore del Dipartimento di Jazz presso il Conservatorio di Torino. Ha tenuto masterclass di contrabbasso, musica d’insieme, improvvisazione e composizione a Dublino, Den Haag, Parigi, Roma, Città del Messico, Buenos Aires, Scuola Holden e Università di Torino. Ha inciso più di 200 dischi – di cui 20 come leader. E’ direttore artistico del Torino Fringe Jazz Festival di Torino.

Andy Sheppard – Sax

 

Marco Tindiglia – Chitarra

Stella del jazz internazionale, artista della scuderia della ECM, Andy Sheppard è uno dei pochi musicisti britannici ad aver avuto un impatto significativo sulla scena jazz internazionale, suonando e componendo sia per solista che per big band e orchestre da camera. Collaboratore instancabile, quasi “seriale”, Andy ha lavorato con alcuni dei più grandi nomi della scena jazzistica internazionale ed è ampiamente richiesto sia per le sue capacità di compositore, sia per le sue leggendarie performance dal vivo. Ispirato dall’ascolto di John Coltrane decide a diciannove anni di diventare un musicista jazz e a metà degli anni ’80 realizza l’omonimo disco d’esordio, che è subito un successo di critica e pubblico e che gli vale numerosi premi, tra cui il ”Best Newcomer” al British Jazz Awards del1987, seguito dal premio “Best Instrumentalist Award” del 1988. Nella sua carriera Sheppard ha scritto musica per ensemble di ogni forma e dimensione, tra cui il suo progetto Saxophone Massive con oltre 200 musicisti, ed è comparso come solista con grandi compositori e arrangiatori jazz come George Russell, Gil Evans e Carla Bley. Il primo album da leader per Andy Sheppard in seno alla ECM è l’album del 2008 Movements In Colour, l’ultimo, Romaria è stato pubblicato nel 2018. Sheppard ha anche suonato con Carla Bley e Steve Swallow in Trios (ECM)e sull’album uscito di recente dello stesso trio Andando el Tiempo (ECM), così come anche in dieci degli album di Carla Bley sull’ etichetta WATT, distribuita da ECM, a cominciare da Fleur Carnivore del 1988.
 Nel 1987 si trasferisce negli Stati Uniti per studiare al Berklee College of Music di Boston, dove si laurea nel 1991 in Professional Music. Collabora tra gli altri con Dennis Irwin, Matt Garrison, George Garzone, Paolino Dalla Porta, Berliner Philarmonic String Quintet, Karl Berger, Andy Sheppard, Gak Sato, Stefano Battaglia, Michele Rabbia, Matt Renzi, Michel Benita, Piero Leveratto, Danilo Rea, Masa Kamaguchi, Jimmy Weinstein, Dan Fox, Maria Pia De Vito, Rita Marcotulli, Giovanni Maier, Tony Arco, Mauro Avanzini, Ingrid Sertso, Manhu Roche, Claudio Lugo, Alfred Kramer, Dejan Terzic. Dal 2003 è il direttore dei workshop al Festival Jazz in Laurino e dal 2004 direttore artistico di Gezmataz Festival & Workshop di Genova.Il suo ‘ultimo CD’Sounds from the Harbour’ con A. Sheppard, M. Kamaguchi e M. Rabbia, è un omaggio alla sua città, Genova. E’ autore di composizioni musicali per teatro e per installazioni multimediali curate da artisti del calibro di Letizia Battaglia, Gipi, Pino Ninfa, Steve Piccolo e Maurizio Galimberti.

 

Quota partecipazione:

280€ Corso + Concerti
Sconto del 10% per i seminaristi già presenti nelle passate edizioni

Info: info@gezmataz.org

Cell: +39 335 8423720