Yamandu Costa

22 luglio 2017 – YAMANDU COSTA / opening act: IMPROLAND ORCHESTRA

YAMANDU COSTA

Considerato uno dei maggiori talenti della chitarra brasiliana, Yamandu Costa è un riferimento mondiale nell’interpretazione della musica brasiliana. Chi lo vede sul palco percepisce il suo incredibile coinvolgimento, la sua passione per lo strumento e per l’arte. La sua creatività musicale si sviluppa liberamente su una tecnica impeccabile, esplorando tutte le possibilità della chitarra a sette corde, rinnovando temi antichi e presentando composizioni proprie di intenso splendore, in una performance sempre appassionata e coinvolgente. Rivelando una profonda intimità con il suo strumento e con un linguaggio musicale senza frontiere, ha suonato sui palchi più importanti del brasile e del mondo, ha partecipato a grandi festival e incontri, ha vinto alcuni tra i più rilevanti premi della musica brasiliana. Nel 2010 il disco Luz da Aurora con Hamilton de Holanda è stato nominato per il Grammy Latino.

opening act: IMPROLAND ORCHESTRA

Improland

Apre il concerto del solista brasiliano Yamandu Costa il collettivo ligure Improland OrchestRa

Originale e imprevedibile collettivo di musicisti nato dall’esperienza maturata durante le serate di improvvisazione e workshop nello spazio genovese Altrove – Teatro della Maddalena, e durante le sedute del Collettivo HIC – Hidden Improvisers Consort – supervisionato dal sassofonista, compositore, arrangiatore e improvvisatore genovese Claudio Lugo. Jazz con ampio assortimento di stili   , tradizione ma anche apertura alla sperimentazione, a nuove forme e possibilità con preferenza per l’insolito. Musica per la maggior parte di composizione originale suonata da una “big band” nel senso di una ventina, ora più ora meno, di musicisti di estrazioni diverse – jazz, rock, classica e altro – che con i loro strumenti contribuiscono ad intrepretare il repertorio in modo vario e sempre molto accattivante. Trombe, sassofoni, corno, violino, fagotto, flauto, tuba, tromboni, e poi voce, chitarre, piano, contrabbasso e batteria dipingono un quadro d’unione sonoro colorato di sfumature e forti contrasti, di ritmo e di quiete, di ironia ed inquietudine.

Special guests: Alberto Mandarini – tromba e Lauro Rossi – trombone
Laura Torterolo – voce / Francesco Aroni Vigone – sax contralto e soprano / Giancarlo Canazza – sax contralto / Tamer Nassar – sax contralto / Giacomo Mornelli – sax contralto / Stefano Guazzo – sax tenore / Andrea Leone – sax tenore / Livio Macciò – sax baritono / Jacopo Gabutto – sax baritono, fagotto / Claudio Rossi – tromba / Yasar Abdalrasoul – trombone / Sabrina Rizzello – corno / Luca Folli – tuba / Maria Cozzani – violino / Marco Traversone – chitarra elettrica / Mario De simoni – chitarra elettrica / Cesare Grossi – piano / Pietro Martinelli – contrabbasso / Lorenzo Capello – batteria